Torna a crescere la produzione industriale. A marzo l’Istat registra un aumento dell’1,2% rispetto a febbraio, che segue due cali consecutivi. Nella media del primo trimestre, c’è una variazione nulla rispetto al trimestre precedente. Rispetto a marzo 2017, i dati corretti per i giorni lavorativi mostrano invece una crescita del 3,6% (-1,1% nei dati grezzi) trainata dal settore energia elettrica e gas (+11,9%), dalla farmaceutica (+4,6%) e dalle industrie tessili (+4,2%). L’Istat registra al contrario diminuzioni nei settori dell’attività estrattiva (-8,1%) e della fabbricazione di prodotti chimici (-0,4%).

La produzione italiana di autoveicoli diminuisce a marzo 2018 del 6,4% su base annua, secondo i dati corretti per gli effetti di calendario. E il primo trimestre del 2018 vede un calo tendenziale del 2,5%, il peggiore da quasi cinque anni. Per trovare una flessione più ampia bisogna tornare al secondo trimestre del 2013, quando era stata del 4,8%.