Una manovra da 28-30 mld e una dote di 16 mld per le misure ‘bandiera’ di M5s e Lega. E’ questo lo schema su cui si sta lavorando in queste ore, partendo dal punto fermo dei 12,4 mld necessari per sterilizzare l’aumento dell’Iva. La scelta politica già compiuta sarebbe quella di concentrare le risorse in pochi, incisivi interventi. In questa logica starebbe maturando, secondo quanto si apprende da fonti al lavoro sul dossier, l’ipotesi di rinviare al prossimo anno il taglio dell’Irpef. Nel 2019 il focus sarebbero quindi le imprese, per poi dare un segnale forte nel 2020 alle famiglie. I due interventi chiave del pacchetto fisco sarebbero la flat tax per i piccoli e la ‘super-Ires’, cioè l’imposta ridotta al 15% per gli utili reinvestiti in azienda.

I leghisti, secondo quanto viene riferito da fonti parlamentari, punterebbero a dedicare la loro dote quasi interamente alle pensioni, visto che le risorse per il pacchetto fisco verranno in gran parte dalla rimodulazione di incentivi esistenti alle imprese. E’ ancora in corso la stima delle risorse necessarie per introdurre ‘quota 100’ con 62 anni di età, accompagnata da quota 41 e mezzo di contributi senza limiti anagrafici, e molto dipenderà dai paletti che saranno (o meno) introdotti – ad esempio se nel calcolo si potranno comprendere o meno, e in quale entità, gli eventuali anni di contributi figurativi. Lo staff della Lega che è al lavoro su questo capitolo della manovra avrebbe individuato, per le coperture, almeno 2,4 miliardi recuperabili nel sistema previdenziale, attraverso meccanismi che vengono definiti “accorgimenti tecnici”.

Sull’altro fronte, quello del reddito di cittadinanza, sono al lavoro invece i 5 Stelle che dovrebbero concentrare su questa misura simbolo tutti gli 8 miliardi a disposizione (cifra molto vicina ai 10 richiesti nelle ultime settimane). Il nuovo aiuto contro la povertà, come ha spiegato il viceministro all’Economia Laura Castelli in una intervista, partirà da un lato con le pensioni di cittadinanza, le minime da portare a 780 euro. Anche in questo caso si sta ancora studiando la platea di riferimento, e quindi i costi. Il reddito vero e proprio sarebbe invece anticipato dalla riforma dei centri per l’impiego (si punta all’utilizzo dei fondi europei) che impegnerà i primi “3-4 mesi” dell’anno. Il nuovo strumento potrebbe quindi diventare operativo già a maggio e potrebbe contare intanto sulle risorse residue del Rei, il reddito di inclusione introdotto dai governi Renzi-Gentiloni, che per il 2019 ha già a disposizione quasi 2,6 miliardi.