Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, sarà sentita oggi in procura a Roma nell’ambito dell’indagine sul nuovo stadio della Roma. In base a quanto si apprende Raggi verrà ascoltata come testimone e non è escluso che i pm gli possano rivolgere domande relative all’iter del progetto per la struttura che dovrebbe sorgere a Tor Di Valle. “Andrò in procura come testimone per un vicenda che mi vede parte lesa. Ricordo che la Procura ha già detto che non c’entro niente. Per favore non iniziamo con il solito fango”, ha detto la sindaca.

Oggi, su numerosi giornali viene riportata la notizia di una cena ‘segreta’ tra Luca Lanzalone, Luca Parnasi, e l’attuale sottosegretario alla presidenza, il leghista Giancarlo Giorgetti, il 12 marzo a casa di Parnasi. Ne riferiscono stamane alcuni quotidiani – tra gli altri, Repubblica, Corriere della sera, Stampa, Messaggero, Fatto quotidiano – basandosi sulle intercettazioni contenute nell’informativa dei Carabinieri di Roma, allegate agli atti dell’inchiesta sul presunto giro di tangenti per accelerare il progetto del nuovo stadio della Roma.

Sempre nell’ambito dell’inchiesta, secondo i quotidiani, comparirebbe nel registro degli indagati anche il presidente del Coni Giovanni Malagò. La notizia è riportata da Corriere della sera, Stampa e Messaggero. Il Fatto quotidiano, che parla di ‘giallo Malagò’, riporta che lo staff del n.1 del Coni ha fatto sapere che Malagò, che compare nell’elenco dei nominativi per i quali i pm avevano chiesto una proroga delle intercettazioni telefoniche, ‘non è iscritto nel registro degli indagati.

Intanto il direttore generale della Roma Mauro Baldissoni è stato in Campidoglio per incontrare la sindaca Raggi e fare il punto della situazione: “Vogliamo salvaguardare il progetto”, ha detto il dg.