“Io da cittadino prima ancora che da ministro dico che Malta non può evitare di assumersi una responsabilità che è prima di tutto umanitaria”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli interpellato sulla nave Lifeline. “Dovrebbe essere, notizie di queste ore, in acque maltesi, ma non abbiamo ancora la certezza. Nel momento in cui saranno in acque maltesi – ha detto a margine di un evento di FS – la responsabilità dell’apertura di un porto per la messa in sicurezza sarà sicuramente a carico di Malta”.

Pronta la repòlica del governo de La Valletta. “Malgrado la retorica di Salvini, né la Lifeline né il coordinamento di Roma hanno trasmesso a Malta una richiesta formale di accogliere la nave”. Lo riferiscono fonti del governo maltese a Malta Today commentando le parole del ministro dell’Interno che ha scritto su Twitter di aver chiesto a La Valletta di aprire i suoi porti “alla nave fuorilegge Lifeline col suo carico di 239 immigrati” per poi sequestrarla e fermare l’equipaggio.