Ferrari punta sulla Nuova Zelanda e lo fa raddoppiando il numero di concessionarie sul territorio: non saranno più 5 ma nove. Una mossa voluta per avvantaggiarsi di un mercato “che non è mai stato così forte” grazie all'”incredibile atmosfera di fiducia” fra i facoltosi acquirenti potenziali. Spiega il direttore esecutivo di Ferrari Australasia, Herbert Appleroth, nel presentare a Byron Bay la new entry chiamata Portofino, autovettura sportiva ad alte prestazioni, di tipo gran turismo.

Con carrozzeria cabrio-coupè, motore V8 da 3,9 litri, velocita’ massima oltre 320 km/h, è intesa ad attrarre al brand di Maranello nuovi acquirenti. La Ferrari è sulla cresta dell’onda in Australia e Nuova Zelanda, con il raddoppio delle vendite dal 2013, quando ha assunto il controllo della distribuzione nell’area. Lo scorso anno ha venduto 210 auto e nel suo piano di espansione ha aperto nuove concessionarie a Sydney, a Melbourne, nella Gold Coast del Queensland e a Auckland in Nuova Zelanda.

Il modello predecessore dalla Portofino, la California, “è stato uno dei modelli di maggiore successo nella storia della Ferrari”, ha detto Appleroth. Con più potenza e una completa riprogettazione la Portofino, con la sua “eleganza attenuata” potrà attrarre l’interesse degli australiani che amano “il lusso a piedi nudi”. Le consegne inizieranno verso la fine del prossimo anno, prezzo di partenza 389.888 dollari australiani (circa 253 mila euro). In arrivo anche il nuovo modello di punta della Ferrari, il 218 Superfast, che ha un motore V12 da 6,5 litri, prezzo di partenza 610.00 dollari australiani (circa 390 mila euro).

La popolazione degli ultra facoltosi in Australia, con patrimoni sopra i 30 milioni di dollari Usa, di circa 2700, è tra quelle di più rapida crescita nella regione, ha detto il capo di Ferrari Australasia. Altre 232 mila persone hanno patrimoni sopra i 5 milioni di dollari Usa. “Vi è stata molta ricchezza generata in Australia, specialmente negli ultimi cinque-otto anni e nelle industrie aperte ai piu’ giovani: costruttori e agenti immobiliari e operatori di nuovi settori specialistici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.