7,2 GW di elettricità verde in soli 7 mesi nel 2018, contro i 5,4 GW dell’intero 2017. Secondo il Bloomberg New Energy Finance, il totale di energia rinnovabile acquistata dalla grandi imprese, multinazionali e agenzie pubbliche, utility escluse, aumenta sempre di più. Eppure già i 5,4 GW del 2017 avevano stabilito un record per l’energia da fonti pulite.

A livello geografico l’America è in testa con 4,4 GW. A distanza Europa, Medio Oriente e Africa (Emea) con 1,6 GW e l’Asia-Pacifico con 1,1 GW. Tra le imprese in prima fila c’è Facebook, che finora si è assicurata 1,1 GW di elettricità generata da sole e vento. Seguono l’operatore mobile statunitense AT&T, i produttori di alluminio Norks Hydro e Alcoa, e poi Microsoft e Walmart. La crescita delle rinnovabili arriva in un momento in cui sia gli Stati che le compagnie private sono alle prese con obiettivi energetici per contribuire a frenare il cambiamento climatico. In alcuni mercati – evidenziano gli analisti – la scelta ha anche una motivazione economica, perché le fonti pulite sono le meno costose.