“Confrontiamoci su proposte concrete”, dice Confindustria alle forze politiche in competizione verso il voto del 4 marzo. Dalle Assise Generali la scossa che arriva dall’intero sistema di rappresentanza degli industriali, compatto, e’ in un documento di 28 pagine, un piano che “dice cosa va fatto, ma anche con quali risorse e quali effetti”.

Un programma da 250 miliardi in cinque anni. Sono un fiume i 7mila imprenditori che arrivano alla seduta plenaria finale in un grande padiglione della Fiera di Verona. L’obiettivo e’ ‘straripare’ nella campagna elettorale, presentare il documento “a tutti i partiti”, inviandolo subito a tutti i leader politici. Ma anche guardare fin da ora a dopo il 4 marzo: “Apriremo un confronto con il Governo che ci sara’, perche’ tifiamo Italia e non siamo contro nessuno”, sottolinea il leader di Confindustria Vincenzo Boccia. Che lancia l’invito ad un confronto “senza urlare, ma aprendo un dibattito nel Paese”, con “obiettivi alti”, “equidistanti dai partiti ma non dalla politica, con autonomia e indipendenza”, con “responsabilita’ verso il Paese”.

Il giudizio arrivera’ dopo, e pesera’ i risultati: “Valuteremo le politiche e non la politica, in modo rigoroso, basandoci sui fatti e sugli effetti economici delle scelte che verranno di volta in volta effettuate”.    Intanto Confindustria avverte: “E’ indubbio” che dal voto puo’ scaturire “un quadro a dir poco confuso e con pochi, erronei passi, il nostro Paese diventerebbe presto l’anello debole mondiale”, con “conseguenze sistemiche”. L’Italia “e’ ad un bivio”, “tornare indietro e’ un rischio”.

“Le nostre proposte non sono un libro dei sogni”, sottolinea il documento finale delle Assise, che ha obiettivi ambiziosi: il piano quinquennale proposto, incardinato su “tre missioni Paese” (piu’ lavoro, piu’ crescita, meno debito), punta a “oltre 1,8 milioni di occupati in piu’; una riduzione di piu’ di 20 punti del rapporto tra debito pubblico e Pil; una crescita cumulata del Pil reale vicino a 12 punti percentuali; una crescita dell’export consistentemente superiore alla domanda mondiale”.    Confindustria e’ attenta a non sposare, neanche indirettamente, proposte e programmi elettorali. “Quello che sappiamo e’ quello che non vogliamo” avverte Boccia. Non si possono “smontare le buone riforme fatte”, dal Jobs Act alle pensioni a Industria 4.0; e non si puo’ frenare su un grande “piano infrastrutturale”.

Dove reperire le risorse? L’Europa, sostiene Confindustria, puo’ liberare risorse per investire in infrastrutture, formazione, ricerca e innovazione fino a 93 miliardi. “Non abbiamo usato il termine flessibilita’, non andiamo a chiedere cortesie”, dice Boccia: “E’ anche per questo che servono gli eurobond”. Poi, “un settore privato che investe nell’economia reale e si orienta su obiettivi di politica economica potrebbe contribuire fino a 38 miliardi”. E agire sul bilancio pubblico puo’ liberare “fino a 120 miliardi”.    Sul fronte delle tasse, trincea storica per le imprese, serve “un fisco a supporto di investimenti e che premia le imprese che investono, assumono e innovano”. Ma anche, per “una riduzione della pressione fiscale ed il potenziamento dei servizi pubblici”, una sorta di redistribuzione del peso fiscale con un “graduale aumento della compartecipazione alla spesa, in modo progressivo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.