Nel primo trimestre 2018 sono state liquidate 110.997 pensioni con un calo dell’8,3% rispetto allo stesso periodo del 2017. L’importo medio dell’assegno è nel primo trimestre di 1.093 euro in aumento sui 998 dell’intero 2017. Emerge dal Monitoraggio Inps sui flussi di pensionamento. Nel 2018 è scattato l’aumento dell’età di pensionamento di vecchiaia per le donne del settore privato con l’equiparazione con gli uomini a 66 anni e sette mesi. Per le pensioni di vecchiaia sono state liquidate nel complesso nel trimestre 29.554 pensioni con un calo del 14,4% sul primo trimestre 2017.

L’Inps segnala la liquidazione di 63.381 pensioni per il fondo lavoratori dipendenti (con un importo medio di 1.345 euro), 6.779 per gli agricoli (688 euro l’importo medio), 15.021 assegni per gli artigiani (1.004 euro l’importo medio) e 11.755 per i commercianti (1.000 euro l’importo medio). Per i parasubordinati sono stati liquidati 7.523 assegni con un importo medio di 252 euro.

Guardando al complesso delle gestioni sono state liquidate 29.564 pensioni di vecchiaia (compresi 6.538 assegni sociali) e 31.397 pensioni di anzianità (valore sostanzialmente in linea con quello dello stesso periodo dell’anno scorso) mentre sono state erogate 7.772 pensioni di invalidità e 42.264 trattamenti ai superstiti. Per le pensioni anticipate, quelle che fino alla fine del 2018 si ottengono con 42 anni e 10 mesi di contributi se uomo e 41 anni e 10 mesi se donna, l’importo medio mensile è di 2.044 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.